Comprendere la distinzione tra rimborso e risarcimento è fondamentale, soprattutto quando si affrontano disservizi aerei come cancellazioni o ritardi significativi. Ma come mai è così importante riconoscere questa differenza? Perché in determinate circostanze, i viaggiatori possono richiederli entrambi. 

Rimborso del volo: quando è applicabile

Il rimborso rappresenta la restituzione di una somma di denaro precedentemente versata per un servizio ora non più disponibile. Nel contesto dei voli aerei, questa restituzione si applica a situazioni in cui il viaggiatore ha speso denaro per un servizio che non può più essere fornito a causa di cancellazioni o ritardi imprevisti.

La richiesta di rimborso aerei è legata principalmente alle azioni della compagnia. Anche se si è prenotato attraverso un'agenzia di viaggi o un tour operator, è la compagnia aerea che deve gestire la restituzione finanziaria. Tuttavia, affinché il passeggero possa richiedere il rimborso, la cancellazione o il ritardo del volo devono verificarsi senza giustificato motivo e per cause di forza maggiore.

Risarcimento volo e compensazione pecuniaria

A differenza del rimborso, il risarcimento aereo è legato alla presenza di un danno, che può essere di natura economica, materiale o morale. Per esempio, la perdita di un'opportunità di lavoro a causa di un ritardo aereo o la rinuncia a una vacanza con spese già sostenute per l'hotel sono situazioni che richiedono un risarcimento aereo.

Se il passeggero ha subito danni a causa della cancellazione del volo, di un ritardo superiore alle 3 ore o di overbooking, ha diritto a una compensazione pecuniaria. Questa indennità varia in base alla lunghezza della tratta, con importi che diminuiscono del 50% se si accetta un volo alternativo che consente di raggiungere la destinazione. Inoltre, la compagnia aerea è tenuta a fornire assistenza in termini di pasti, alloggio e trasferimenti in determinate situazioni.

Posso chiedere il rimborso e il risarcimento insieme?

In alcuni casi, la confusione tra rimborso e risarcimento può derivare dal fatto che entrambi possono essere applicabili. Ad esempio, se chi ha acquistato il biglietto e chi ha subito il disagio sono la stessa persona, come accade nella maggior parte dei casi, sia il rimborso che il risarcimento possono essere richiesti.

La ricerca di tali diritti, tuttavia, può essere complessa. Le compagnie aeree potrebbero cercare di confondere i viaggiatori proponendo soluzioni alternative che possono comportare la rinuncia ai benefici. È quindi fondamentale rivolgersi a professionisti esperti che conoscano a fondo la normativa e le condizioni specifiche delle diverse compagnie aeree.

Risarcimento e rimborso con No Problem Flights

Secondo quanto stabilito dalla Carta dei Diritti del Passeggero, per ottenere la propria compensazione pecuniaria è necessario compilare un modulo da inviare alla compagnia aerea interessata, allegando:

  • una lettera di richiesta di rimborso (che contenga tutti i requisiti necessari per il risarcimento dei danni da volo)
  • una copia della carta d'imbarco
  • una copia del documento d'identità
  • Le tempistiche in questi casi si prolungano di molto, poiché le compagnie tendono a rispondere in tempi troppo dilazionati, scoraggiando il passeggero che ha subito il disservizio dall’ottenere il risarcimento spettante.

Con il servizio offerto da No Problem Flights invece i tempi si riducono notevolmente: un team di esperti si occupa di seguire costantemente l’andamento della pratica, portando ad una risoluzione nel minor tempo possibile. Hai necessità di richiedere un rimborso o un risarcimento? Verifica subito a quanto ammonta l’indennizzo e chiedi assistenza al nostro team!

Articoli collegati per Tag

Lascia un Commento